Questo articolo è stato già letto761 volte!

papa_Corea_lp-300x202

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

 

“Noi non possiamo tacere”

15 agosto,

Giornata di preghiera

per i cristiani perseguitati

 

Dal 14 al 18 agosto siamo chiamati ad accompagnare spiritualmente il Santo Padre nella sua visita in Corea del Sud, dove partecipa alla VI Giornata della Gioventù asiatica.

Per le nostre comunità è un’occasione preziosa per accostare la realtà di quella Chiesa: una Chiesa  giovane, la cui vicenda storica è stata attraversata da una grave persecuzione, durata quasi un  secolo, nella quale circa 10.000 fedeli subirono il martirio: 103 di loro sono stati canonizzati nel 1984, in occasione del secondo centenario delle origini della comunità cattolica nel Paese.

In questa luce si coglie la forza del tema che scandisce l’evento: “Giovani dell’Asia! Svegliatevi! La gloria dei martiri risplende su di voi: “Se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con Lui” (Rm 6,8).

Sono parole che vorremmo potessero scuotere anche questa nostra Europa, distratta ed indifferente, cieca e muta davanti alle persecuzioni di cui oggi sono vittime centinaia di migliaia di cristiani.

 Se  la mancanza di libertà religiosa – fondativa delle altre libertà umane – impoverisce vaste aree del  mondo, un autentico Calvario accomuna i battezzati in Paesi come Iraq e Nigeria, dove sono  marchiati per la loro fede e fatti oggetto di attacchi continui da parte di gruppi terroristici; scacciati

dalle loro case ed esposti a minacce, vessazioni e violenze, conoscono l’umiliazione gratuita  dell’emarginazione e dell’esilio fino all’uccisione. Le loro chiese sono profanate: antiche reliquie, come anche statue della Madonna e dei Santi, vengono distrutte da un integralismo che, in  definitiva, nulla ha di autenticamente religioso. In queste zone la presenza cristiana – la sua storia  più che millenaria, la varietà delle sue tradizioni e la ricchezza della sua cultura – è in pericolo: rischia l’estinzione dagli stessi luoghi in cui è nata, a partire dalla Terra Santa.

A fronte di un simile attacco alle fondamenta della civiltà, della dignità umana e dei suoi diritti, noi non possiamo tacere. L’Occidente non può continuare a volgere lo sguardo altrove, illudendosi di poter ignorare una tragedia umanitaria che distrugge i valori che l’hanno forgiato e nella quale i cristiani pagano il pregiudizio che li confonde in modo indiscriminato con un preciso modello di sviluppo.