Questo articolo è stato già letto1072 volte!

La storia del popolo cristiano è soprattutto storia di conversioni, le quali oggi sono innumerevoli.Una delle conversioni più clamorose degli ultimi decenni è quella di Andre Frossard, celebre scrittore, figlio del Segretario na­zionale del comunismo francese che l’ha educato nel perfetto ateismo.

Andrè, lavorando come giornalista, stabilisce una forte amicizia con il collega di lavoro Andrè Viemen, cattolico intelligente e prati­cante. Un giorno Frossard, a 20 anni, viaggia in automobile con il suo amico. Questi, a un certo momento, esce dall’auto e gli dice: “Ora, o mi segui o mi attendi”. Attraversa la strada ed entra in una chiesa a pre­gare e a confessarsi.

L’amico Frossard, stanco di attendere, entra in quella stessa chiesa. Scorge sull’altare, tra fiori e candele accese, un disco dorato in cui è esposta l’Ostia santa, il Santissimo Sacramento, ma lui non lo sa. Vi sono delle Suore in preghiera. Ode una voce sussurrargli: “Vita interiore! Vita interiore!” Vale a dire: vita religiosa!

In quell’i­stante è conquistato dalla grazia di Dio! Egli stesso scriverà: “Vidi un cristallo indistruttibile, un’infinita trasparenza di una luminosità quasi insostenibile: un grado di più mi avrebbe annientato. Un mondo, un altro mondo di tanto splendore. È l’evidenza di Dio, l’evidenza di Colui che i cristiani chiamano Padre nostro… Tutto è vero! Dio esiste! Tutto è vero!”

Prosegue: “Entrato alle 17,10 in una Cappella per cercarvi un amico, ne sono uscito alle 17,15 in compagnia di una amicizia che non era di questa terra. Entratovi scettico e ateo di estrema sinistra, preoccupato di ben altre cose che di Dio, sono uscito, qualche minuto dopo, cattolico, apostolico e romano, trascinato, sollevato, risucchiato dall’onda di Una gioia inestinguibile” (dal suo libro “Dio esiste, io l’ho incontrato”).

Nella forte risonanza di questa grande conversione, lo Spirito Santo ci grida: “Convertitevi! Liberatevi da tutte le iniquità commesse e for­matevi un cuor nuovo e uno spirito nuovo” (Ezechiele 18,30ss). “Rivolgete il cuore verso il Signore” (Giosuè 24,23). “Ritornate a colui al quale vi siete profondamente ribellati” (Isaia 31,6). “Convertitevi a Lui con tutto il cuore” (Tobìa 13,6). “Ritorna al Signore e cerca di non peccare più” (Isaia 17,20-27). “C’è gioia in cielo per un peccatore che si converte” (Luca 15,7).

P. Crispino Lanzi